CHI SIAMO

ABOUT

US

Dietro Rippotai?

Ci mettiamo la faccia.

Spazio alla fantasia.

Rippotai è nato con l’obiettivo di creare box eco-creative per gli amanti del design, che amano usare la fantasia nella vita di tutti i giorni. Ogni prodotto Rippotai è un contenitore di idee che può essere trasformato da semplice salva spazio a lampada, pouf, porta bottiglie o altro ancora. E sei tu a decidere lo stile più adatto al tuo spazio, scegliendo la decorazione che più ti piace.
Attraverso la fantasia e la consapevolezza non immagini quante cose puoi fare con un cubo!

Nella vita ci vuole CUBO. E consapevolezza.

Una rivoluzione al CUBO.

In un mondo pieno di scatole vuote e inutilizzate la vecchia scatola si rinnova, prende colore, ha sempre la forma di un cubo, assume nuove funzioni d’uso e si chiama…Rippotai. Una vera rivoluzione che, partendo da una forma essenziale e di design (il cubo) e abbinando soluzioni eco-creative dedicate alla casa e a tutta la famiglia, eleva al cubo il concetto di contenitore.

Nella vita ci vuole CUBO. E consapevolezza.

Rippotai significa “cubo” in giapponese ed è un omaggio/ispirazione ad un mondo ordinato e un po’ zen, alla sua grande forza espressiva e culturale, all’utilizzo creativo della carta nell’arte degli origami, alla vivacità e l’immaginazione dello stile manga. Ma Rippotai non è solo un nome o un prodotto è una scelta consapevole: ogni creazione è pensata, progettata e prodotta seguendo la filosofia dell’eco-design. Rippotai crede nell’utilizzo di materiali riciclati o riciclati al 100x100, nei metodi di produzione basso impatto ambientale e soprattutto nella filosofia del riuso creativo.

Rippotai è un’idea coltivata con cura e passione da La Fattory.

Sì, la Fattory, senza la C.
Perché è un luogo in cui si lavora sodo come in fattoria, una cascina di idee ed esperienze
in cui la creatività viene seminata ogni giorno. E dove il rispetto dell’ambiente e della sostenibilità sono un valore vero, una missione per ogni sviluppo futuro.

 

Il sogno e la visione di due amici veri, Elena e Tito, il cui percorso di vita
li ha portati dalle grandi città all’entroterra romagnolo
Per creare qualcosa di nuovo e genuino.

Scarpe grosse e cervello fino, si diceva una volta.
E per loro è così.